GOCCIA SOCIETA’ COOPERATIVA SOCIALE, costituitasi nel Gennaio del 2014 ad opera di alcuni giovani del territorio prevalentemente inoccupati, nasce con l’obiettivo di intervenire in maniera etica e con fini solidaristici a favore delle fasce deboli della popolazione locale, con particolare riguardo ai minori e ai giovani e alle loro famiglie.
La proposta della cooperativa nasce da un’esperienza di volontariato, in quanto tutti i soci fondatori provengono da “I Calabroni”, una associazione giovanile che, tra le altre attività, si occupa di tentare di rispondere ai bisogni di un territorio che offriva scarsi servizi e possibilità di socializzazione ai minori. All’epoca della costituzione di GOCCIA S.C.S., l’associazione aveva creato e gestiva l’unico servizio di doposcuola presente a Porto Tolle. Il doposcuola si è maggiormente strutturato con la costituzione stessa, essendo diventata la richiesta da parte delle famiglie aderenti sempre più specifica. Questa operazione ha consentito di offrire un servizio migliore e più rispondente alle famiglie e di creare opportunità di occupazione stabile per i giovani volontari.
Il successo di questa scelta, grazie anche al team di figure competenti in grado di dare risposte efficaci ai bisogni ludico-ricreativi-educativi e di promuovere il benessere della persona, è testimoniato dal costante e rapido aumento sia dei servizi offerti che del riscontro da parte degli utenti, non solo del territorio comunale.
Il legame con il mondo del volontariato è rimasto forte e ha contribuito alla creazione di importanti reti con soggetti pubblici e privati, che garantiscono risposte alle famiglie dell’area del Delta del Po.
In un territorio povero di offerte di servizi ai minori e alle loro famiglie e distante dai centri con servizi più strutturati, GOCCIA S.C.S. si colloca come un punto di riferimento per tutta l’area del Delta del Po, zona con il più alto tasso di abbandono scolastico della provincia, caratterizzata da un forte pendolarismo sia per motivi di lavoro che di studio, da una emigrazione dilagante e dal conseguente invecchiamento della popolazione locale.
In questo contesto socio-economico, l’apertura di un centro educativo che propone attività di sostegno allo studio, corsi e laboratori espressivi, ludici e ricreativi, incontri per genitori, famiglie e docenti, si pone come struttura nevralgica per il territorio.
Goccia in molti casi diventa un filtro tra le famiglie e la scuola, tra i genitori e l’ente pubblico, con il quale intrattiene rapporti di piena collaborazione; intercetta situazioni di disagio sociale che rimarrebbero altrimenti sommerse, promuovendo interventi mirati ed efficaci; aderisce a diverse reti tra soggetti pubblici e privati che operano in settori affini.